Andreoletti: "Episodi determinanti. Gran risposta della squadra nel secondo tempo"

Le parole di Matteo Andreoletti al termine di Seregno - Pavia

Una prestazione orgogliosa in una situazione ambientale molto, molto difficile: è arrivato un pareggio ma per quanto visto sul campo il Seregno avrebbe meritato di più…

Credo di sì. Abbiamo disputato un primo tempo sottotono, concedendo troppo campo ad una squadra che ha delle qualità, soprattutto nel reparto offensivo. Nella ripresa ho visto uno spirito diverso: con più qualità in campo siamo stati più propositivi. C’erano gli estremi per vincere la partita…purtroppo però è il verdetto del campo che conta. Per una squadra che si deve salvare ho visto un secondo tempo di grande orgoglio e di qualità: ho visto giocate importanti e diverse occasioni per segnare il 2 a 1. Poi giocare in uno stadio vuoto non è facile: portiamo orgogliosamente a casa questo punto.

Dalla tribuna è sembrato che ci fossero almeno due calci di rigore a favore del Seregno. Come li avete visti dalla panchina?

Non è mai bello parlare dell’arbitraggio, purtroppo però gli episodi sono spesso determinanti. Vedere due situazioni come quelle citate ci fa male, però i ragazzi sono andati anche oltre queste situazioni e hanno dato tutto per provare a vincere. Gli episodi purtroppo oggi ci hanno detto male. Capita, speriamo di essere sempre più bravi e un po’ più fortunati in futuro.

Gli ingressi di Iori e Rossi nella ripresa sono stati determinanti: abbiamo assistito ad un esperimento o una situazione che potremmo vedere riproposta?

Rossi impiegato davanti alla difesa non è certo un esperimento: è sempre stato al centro del nostro progetto tecnico, tuttavia non l’abbiamo praticamente mai avuto a disposizione al 100%. Oggi ho preso un rischio perché non aveva 45’ nelle gambe, ma era giusto fare questo tentativo. Iori come interno è stata una situazione di emergenza, però Mattia è un giocatore che ha qualità superiori alla media: potrebbe essere una situazione che riproveremo in futuro.

Preoccupa la possibile lontananza dal Ferruccio?

In una gara come quella di oggi, con l’orgoglio messo in campo nella ripresa, forse il nostro pubblico ci avrebbe consentito di dare ancora quel quid in più necessario per vincere. Speriamo che si trovi una soluzione per avere i nostri tifosi vicini a fare il tifo per noi.