Come viaggia il nuovo Seregno. Castella: 'La salvezza prima di tutto'

Dopo il secondo allenamento stagionale, il tecnico e la società hanno incontrato i giornalisti per il 'media day'

Lentate sul Seveso (MB) - E' uno spettacolo vedere un allenamento del nuovo Seregno. Quasi due ore intense con quella voglia di migliorare ogni singolo aspetto. Il presidente degli Azzurri, Carmine Castella, si apposta in lontananza per non 'disturbare' il lavoro dei ragazzi in campo, mentre sul rettangolo verde Matteo Andreoletti detta i tempi, sprona i suoi a dare il massimo. C'è un giocatore sulle gambe sul finire della partitella, il mister va lì e lo incoraggia: 'Ora vedrai che fai gol'. Passano cinque secondi e quel giocatore la mette. La partitella del martedì finisce con gli applausi.
I giocatori vanno negli spogliatoi dopo una giornata di duri allenamento, i dirigenti e il mister si fermano nella clubhouse dell'Alte Groane per incontrare la stampa in occasione del 1° Media Day del Seregno. A prendere la parola, il presidente Castella: 'In Serie D vogliono vincere tutti, molti hanno speso tanti soldi. Noi, invece, partiamo con umiltà. Il nostro obiettivo è mantenere la categoria, per me non è giusto spendere tanti in serie D come hanno fatto altre società. Noi siamo soddisfatti del mercato, abbiamo preso diversi giocatori di prima fascia. Il ds Proserpio e l'allenatore hanno rispettato il nostro budget. Ci tengo a dire che sono scelte condivise e che siamo tutti sulla stessa linea. Anche sugli obiettivi: come hanno già detto il nostro allenatore e il nostro ds, vogliamo i punti per salvarci al più presto. Un altro aspetto importante - ha concluso il presidente azzurro - è quello dei giovani: vogliamo valorizzare i giocatori della Juniores dello scorso anno, li abbiamo visti all'opera nel finale della passata stagione e ci hanno convinto. Il Seregno ha perso troppi ragazzi in questi anni, per noi i ragazzi del territorio sono il nostro patrimonio'.