Primo sorriso al Ferruccio: Grandi e Gritti stendono l'Olginatese

Il Seregno vince 2-0 e trova il primo successo casalingo

Prima vittoria in casa per il Seregno, che batte l’Olginatese con un risultato netto di 2 a 0. Gli azzurri hanno dominato dall'inizio alla fine della partita gestendo con cura il possesso palla in entrambe le frazioni di gioco. Arriva, dunque, la seconda vittoria in otto partite disputate per i ragazzi di mister Ardito che salgono a quota 10 punti in classifica.

Parte decisamente meglio la squadra di casa rispetto agli avversari: sin dal primo minuto i giocatori Azzurri gestiscono la manovra facendo girare a vuoto i calciatori ospiti e cercando spazi per servire i due attaccanti. Al 7’ Grandi, dopo uno svarione della difesa ospite su cross del neo-acquisto Omayer (ex Chievo Verona), si trova in area un pallone e di testa colpisce a botta sicura trovando, tuttavia, una grande risposta del portiere che respinge in angolo.

Gli ospiti si affacciano per la prima volta dalle parti della squadra di casa al 27’ con un calcio d’angolo battuto quasi timidamente, dal quale parte poi un contropiede degli Azzurri, i quali, con Artaria, non riescono a sfruttare la grande chance del possibile vantaggio. Al 29’ ecco un’altra grande occasione per i padroni di casa: Capelli attacca lo spazio, viene ben servito da Gritti, ma non riesce a centrare lo specchio della porta per poco. Un paio di minuti dopo, con un’azione tutta di prima, il Seregno palleggia nella metà campo avversaria, ma Artaria, su assist di Capelli, non riesce ad appoggiare in rete un assist perfetto in area di rigore. Da calcio d’angolo, al 39’, La Camera pesca Artaria in area, che, però, nonostante un gran colpo di testa non riesce a gonfiare la rete.

La risposta avversaria non tarda ad arrivare: con un ottimo cambio di gioco, N’Guessan pesca in area di rigore Cortesi, il quale, però, viene fermato prontamente da un grande intervento di Mapelli. Sul finire di frazione sono gli ospiti a rendersi più pericolosi e in un paio di situazioni per poco non trovano la via del goal, ma gli Azzurri non ci stanno e, seppur affaticati, dopo aver dominato tutta la prima frazione di gioco, creano la miglior occasione a proprio favore: al 43’ con un’ottima azione, Capelli, pescato magistralmente da La Camera, serve prontamente Artaria, il quale sforna un ottimo assist per Grandi, che coglie la traversa con un ottimo tiro a giro di sinistro.

Il primo tempo si chiude a reti inviolate, con molte occasioni create dai padroni di casa, i quali hanno pressoché dominato sia sul piano del gioco che su quello delle conclusioni in porta. Solo una sfortunata traversa ha negato il goal ai ragazzi di mister Ardito, i quali hanno sì mostrato un bel gioco, ma anche poca concretezza in area di rigore.

Nei primissimi minuti del secondo tempo il ritmo di palleggio e pressing delle due squadre è blando, quasi come se le due squadre volessero rifiatare ulteriormente dopo il primo tempo, nonostante l’intervallo di gioco appena trascorso. L’andamento del match dà l’impressione che solo una scintilla avrebbe potuto sbloccare questi ritmi; scintilla che non tarda ad arrivare, ed è totalmente a favore dei ragazzi di casa: Capelli, dopo aver saltato nettamente due difensori avversari sulla fascia destra, viene steso in area di rigore da Guanziroli, il quale, nonostante il brutto fallo commesso, non viene ammonito. Sul dischetto si presenta Grandi, il quale spiazza il portiere al 52’. Il Seregno sa che deve chiuderla, al fine di non rischiare, come accaduto nelle altre gare disputate, di vedersi immeritatamente raggiunto dagli avversari, non riuscendo, poi, a portare a casa i tre punti. Ma questa volta le cose vanno diversamente e gli Azzurri non mollano mai. Pochi minuti dopo il rigore, sugli sviluppi di una rimessa laterale, e conseguente cross teso in mezzo, Artaria appoggia dietro per Grandi, il quale calcia oltre la traversa colpendo troppo forte il pallone.

Dopo il goal c’è solo il Seregno in campo, con l’Olginatese che non dà mai l’idea di crederci abbastanza: gli Azzurri fanno girare bene palla e, a più riprese, cercano insistentemente il goal del raddoppio. Mister Ardito prova a cambiare qualcosa, al fine di far rifiatare chi aveva più speso energie e aveva meno da offrire sul finire del match. I cambi, come da volere dell’allenatore, portano freschezza e, al ‘75, Capelli, dal limite dell’area, calcia con un ottimo tiro a giro, non trovando, tuttavia, l’eurogoal per questione di centimetri. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, all’83’ La Camera vede e trova in area Artaria, che colpisce bene il pallone di testa, ma il portiere si supera e devia in corner.

E’ solo nei minuti di recupero che i padroni di casa trovano il meritatissimo goal del raddoppio: calcio piazzato dal limite dell’area di rigore che Gritti, con un tiro preciso e potente, insacca là dove il portiere avversario non può proprio arrivare.

Finisce così, con una vittoria netta, la quarta partita della stagione in casa degli Azzurri (molto applauditi dai tifosi), che saranno impegnati nel prossimo turno in trasferta contro l’Ambrosiana. La prossima partita in casa sarà invece mercoledì prossimo, quando il Seregno ospiterà il Como, in quello che si preannuncia come un vero e proprio big match.

Seregno – Olginatese 2-0 (0-0)

SEREGNO (3-5-2) 12 Lupu; 27 Ampollini, 6 Gritti, 23 Mapelli; 7 Capelli (79’ 19 Cavalcante), 4 Bonaiti (72’ 18 Romeo), 10 La Camera, 16 Esposito, 5 Omayer (72’ 20 Calmi); 11 Grandi (72’ 24 Ronchi), 8 Artaria (84’ 9 Ravasi). (1 Mora, 13 Fasoli, 15 Fumagalli, 17 Conti) All. Ardito

OLGINATESE (4-2-3-1) 1 Iali; 3 Zoia, 5 Allodi (46’ 13 Carlone), 6 Tommaselli (75’ 18 Comotti), 2 Guanziroli; 4 Lacchini, 8 Tommaselli; 10 Cortesi (60’ 17 Salvati), 11 Andriuoli (46’ 16 Greco), 7 N’Guessan, 9 Cristofoli. (12 Radaelli, 14 Tarasco, 15 Rossini, 17 Salvati, 18 Comotti, 19 Nasatti, 20 Maggioni) All. Del Piano

Arbitro: Schiavon di Treviso (Porcu, Mocci) 

Marcatori: 52' Grandi (rig.), 93' Gritti 

Ammoniti: Guanziroli (O), Capellupo (O), Andriuoli (O)

Note: giornata nuvolosa e fredda, terreno in buone condizioni. 



Matteo Gatti