Un punto anche a Villa D'Almè

Continua la crescita azzurra. Grandi ancora in rete

Villa D’Almè  – quarto risultato utile consecutivo per il Seregno di mister Andrea Ardito, che impatta per 1 a 1 sul campo del Villa d’Almè. In vantaggio con Grandi – al 7^ centro in campionato – gli azzurri vengono raggiunti da Del Carro su azione d’angolo. I padroni di casa possono recriminare per aver colpito ben tre legni, ma il Seregno ha dato prova di grande compattezza e solidità su di un campo insidioso e contro una squadra molto ben organizzata.

La cronaca:  Mister Ardito conferma dal 1’ l’undici schierato in avvio nel turno infrasettimanale contro il Como. Pribetti, scontata la squalifica, inizia dalla panchina. I padroni di casa, autori di un avvio di campionato decisamente positivo, operano diversi cambi rispetto al match con il Caravaggio: mister Giovanni Mussa lascia in panchina il capitano Jacopo Mazza e l’attaccante scuola Giana Alessandro Corti, scegliendo un aggressivo 3-4-3.

Buon avvio del Seregno, che alla prima occasione colpisce: corner di La Camera, sponda di Ampollini sul secondo palo per Grandi, lasciato solo a due passi dalla linea di porta. L’attaccante colpisce sottomisura siglando il settimo sigillo stagionale in campionato. I padroni di casa, che in questo avvio di campionato sono stati spesso protagonisti di primi tempi poco incisivi, cercano subito il punto del pari: al 10’ Esposito riceve il primo giallo della partita per un fallo che spezza una trama costruita da Montalbano e Bance.

La gara procede senza sussulti fino al 20’, quando Ampollini mura in angolo Mammetti. Dalla bandierina Sonzogni imbecca Del Carro, abilissimo a svettare sul marcatore diretto e a trafiggere Lupu per il punto del pareggio.  Ora sono gli Azzurri ad essere in difficoltà: passano meno di 60’’ e Sonzogni lascia partire una sventola da circa 20 metri che si stampa sul palo alla destra di Lupu. Ancora il centrocampista protagonista al 24’, quando una palla mal gestita dalla difesa azzurra diventa un assist che lo stesso numero 30 spedisce verso Lupu: conclusione rasoterra che l’estremo azzurro blocca senza difficoltà.
Padroni di casa scatenati: altro corner e altro assist alla ricerca di Del Carro, che termina a terra in piena area dopo un contatto con Mapelli. Il direttore di gara lascia proseguire il gioco tra le proteste del pubblico locale.

La gara è divertente e ricca di capovolgimenti di fronte: al 29’ Bonaiti sfugge a Sonzogni ai 25 metri, il centrocampista lo stende e riceve il primo giallo per la formazione bergamasca. La Camera calcia il piazzato, pallone sporcato dalla barriera con Artaria che non arriva sulla respinta per questione di centimetri. Il Seregno incontra maggiori difficoltà rispetto all’avvio di gara: i padroni di casa appaiono più decisi e determinati, ed ora controllano maggiormente il possesso. Al 38’ recupero di La Camera in mediana, lancio per Esposito che di prima intenzione crossa rasoterra sul secondo palo: Capelli non riesce a mantenere in campo la sfera. Poco dopo assolo di Artaria sulla sinistra, il suo cross per la testa di Grandi viene allontanato da Sala. Nel finale di tempo bella triangolazione La Camera – Omayer – Esposito: il direttore di gara ferma il centrocampista azzurro per una dubbia posizione di fuorigioco.

La ripresa inizia senza sostituzioni: in apertura ottimo break di Bonaiti, che scarica su La Camera. Consueto lancio immediato e preciso per Artaria, che non è preciso nel controllo e perde così il possesso al limite dell’area di rigore. La risposta del giallorossi è affidata a Castelli, ben imbeccato dalla retrovie: Ampollini è attento e protegge efficacemente l’uscita di Lupu.

Mister Mussa è il primo ad effettuare un cambio: Castelli lascia il campo per Corti al 53’. Due minuti dopo intuizione di Gritti che pesca Capelli con un lancio profondo. L’esterno azzurro guadagna un corner: dalla bandierina La Camera centra per Ampollini e Mapelli, che da pochi metri non riescono a trovare la deviazione decisiva.

Al 57’ Ardito ridisegna i suoi: fuori Grandi e Omayer, in campo Calmi e Cavalcante; risponde Mussa con Tarchini che rileva Bance. Dal punto di vista tattico le squadre non cambiano la disposizione sul terreno. Più frizzante rispetto al primo tempo Capelli, che conquista due corner in pochi minuti e si distingue per un intervento difensivo su Bollini. Nel Villa D’Almè sempre lucida la regia di Sonzogni con l’efficace supporto di Bollini. La partita è molto equilibrata, con entrambe le squadre che provano a superarsi. Il ritmo resta piuttosto alto, anche se in cronaca non si registrano occasioni nitide.

Cresce la pressione degli azzurri: al 70’ Picozzi usa le maniere forti per fermare Calmi, finendo così sul taccuino dei cattivi. Un minuto dopo bordata di Cavalcante dal limte, Matteo Gritti si rifugia in corner. Sul capovolgimento di fronte è Ampollini a murare Mammetti che prova la conclusione dall’interno dell’area. Continuano ad entrare forze fresche: Mussa inserisce Valli per Mammetti, poco dopo Ardito sceglie Romeo e Pribetti per sostituire La Camera e Ampollini.

Al 78’ occasione per i padroni di casa: chiusura imperfetta sulla fascia destra azzurra, Cavalcante sembra in ritardo su Corti in piena area ma con un guizzo riesce ad allontanare la palla quel tanto che basta per mettere fuori tempo l’attaccante giallorosso. Il Villa D’Almè ricorre a palloni lunghi per gli sprint di Corti contro Capelli, mentre gli azzurri sono pericolosi con Romeo, che da distanza ravvicinata guadagna un corner impegnando Matteo Gritti. Nel finale spazio a Ravasi per Artaria tra gli azzurri e ad Andrea Ferrè per Bollini. Al minuto 85’ splendida conclusione di Sonzogni al volo, con Lupu reattivo a smanacciare sulla traversa l’occasione più nitida dell’intera ripresa.

A meno di un minuto dall’extra time Calmi conquista una punizione dalla “mattonella” di Gritti: il capitano azzurro però non trova lo specchio. In pieno recupero i padroni di casa schiacciano gli azzurri in area di rigore: Tarchini crossa dalla sinistra, Jacopo Ferrè in torsione di testa trova il terzo legno del pomeriggio, con Valli chiuso provvidenzialmente da un grappolo di maglie azzurre.

E’ l’ultima emozione di un pomeriggio che porta in dote un altro risultato positivo per gli azzurri.

VILLA D’ALME’ – SEREGNO 1-1 (1-1)

Villa D’Almè (3-4-3): 22 Gritti M.; 44 Del Carro, 2 Sala, 17 Picozzi;  13 Bance (59’ 5 Tarchini), 4 Baggi, 30 Sonzogni, 11 Bollini (83’  10 Ferrè A.); 7 Montalbano (66’ 23 Ferrè J.), 18 Mammetti (73’ 9 Valli), 19 Castelli (53’ 21 Corti ) (1 Esposito F., 3 Ravasio, 6 Mazza, 8 Lazzarini) All. Mussa.

Seregno (3-5-2): 12 Lupu; 27 Ampollini (76’ 3 Pribetti), 6 Gritti, 23 Mapelli; 7 Capelli, 4 Bonaiti, 10 La Camera (76’ 18 Romeo), 16 Esposito N., 5 Omayer (57’ 20 Calmi); 8 Artaria (82’ 9 Ravasi), 11 Grandi (57’ 19 Cavalcante) (1 Mora, 15 Fumagalli, 21 Moreo, 24 Ronchi) All. Ardito.

Arbitro Sig. Rizzello di Casarano (Ielardi – Pinna)

Marcatori: 8’ Grandi (S), 20’ Del Carro (V).

Ammoniti: Esposito N. (S), Sonzogni (V), Grandi (S), Picozzi (V).

Recupero: 1’+ 4’

Note: giornata soleggiata ma fredda. Terreno sintetico in discrete condizioni